Il ribelle

figliol_prodigo-e1379259397931

Quante volte mi cercasti,
come quando tra i rovi mi nascosi
e dissi: “E’ di Lei la colpa;
Tu a me la desti”

Il giorno che negli occhi nostri
il genio Tuo riflesso,
i compagni videro plaudenti;
giorno di ribellione e pianto.

E’ così che ci creasti,
schiavi di libertà,
cuori ribelli, figli ingrati,
da cecità ingannati.

quante volte mi indicasti
strada, e rafforzasti la mano mia
ma cuore ribelle, fuggo poi ti chiamo
dall’angusta mia via.

E così errando vivo
Rosa spinosa la libertà
Dono tuo eterno
E chino invoco il tuo perdono
(01.05.98)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s